Perché le “Vie della Psiche”?

Perché le “vie” rappresentano possibilità di trasformazione evolutiva. Vie d’uscita, sentieri di entrata, prospettive, orizzonti, nodi di scambio, nodi di unione… E in generale il senso del Possibile, del poter fare e poter essere, plasmando il sentiero come il fiume modella il proprio letto.

Uno dei concetti che ho trovato molto significativo durante la mia formazione è stato quello di “viabilità”, che sottende l’importanza della percorribilità di soluzioni e significati. Non esistono vie universalmente giuste o sbagliate, e c’è sempre un’altra via percorribile, rispetto ad una strada senza uscita: un’altra opportunità, un altro modo di vedere, sentire, fare le cose, di rileggere la propria storia e di scrivere nuovi capitoli.

(…) Viandante, le tue orme sono

il cammino e niente più;

viandante, non esiste il cammino,

il cammino si crea camminando

(…) passo dopo passo, verso dopo verso.

A. Machado

Questo concetto mi ha sempre richiamato l’immagine e il funzionamento del nostro cervello, le vie sinaptiche, il fenomeno della plasticità cerebrale, ossia la capacità del cervello di rimodellarsi nella sua struttura e funzionalità, di dar vita a nuovi circuiti neurali, attraverso l’esperienza. Contrariamente a quanto si riteneva tempo fa, oggi sappiamo che questa facoltà trasformativa del cervello perdura per tutta la vita, in un complesso meccanismo di perdite-riparazioni-guadagni.

Mi richiama inoltre una parabola indiana che mi è molto cara, intitolata “I sei ciechi e l’elefante”.

Riassumendo: sei saggi ciechi vogliono conoscere un elefante. Ognuno tocca una parte del corpo dell’elefante e, al tatto, ci identifica qualcosa di diverso.

Ad esempio: “il primo gli toccò l’orecchio grande e piatto. Lo sentì muoversi lentamente avanti e indietro. «L’elefante è come un ventaglio», proclamò.  Il secondo toccò le gambe dell’elefante. «E’ come un albero», affermò.
«Siete entrambi in errore», disse il terzo. «L’elefante è simile a una fune». Egli stava toccando la coda dell’elefante.” (…)

Insomma, i sei saggi ciechi finiscono col litigare su cosa sia realmente un elefante, ognuno difendendo strenuamente la propria posizione, e non arrivano mai a conoscerlo, di fatto, integralmente.

Questa parabola può essere interpretata in vari modi, ma ciò che più ne ho tratto io è il limite ingannevole di una prospettiva unica sulla realtà, l’importanza di allargare ed integrare la visione, di non fermarsi alla prima sensazione o esperienza, o a un preconcetto, per cogliere qualcosa il più possibile nella sua interezza.

In conclusione, le Vie della Psiche sono infinite, da più punti di vista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *